Article Ilsussidiario.net: LA BAMBINA CHE PARLA COI COLORI/ Clara Woods, colpita da un ictus nel ventre materno

Di Paolo Vites

Avrebbe vissuto come un vegetale, senza poter camminare, corriere, capire, avere cioè la cosiddetta "vita normale" Abbastanza per abortirla. Ma Betina Genovesi e Carlo Woods, i genitori, non l'hanno fatto e così Clara è nata con il solo problema dell'essere incapace di parlare. Causa di questo un ictus quando era ancora nel grembo della madre: "Clara è sempre stata molto solare e ha affrontato tutto con gioia e forza di volontà. Grande merito è anche di suo padre che ha sempre trasformato in sì i no degli altri, a partire dai medici, trovando soluzioni alternative per permetterle di raggiungere gli stessi obiettivi" dice la madre. Da un anno di età la bambina intraprende un cammino di riabilitazione: impara tre lingue (italiano, inglese e portoghese). Come si esprime? In un modo particolarissimo, affascinante, una chiave personale che esprime bellezza: la pittura. Non è stato facile, all'inizio Clara distruggeva i quadri che dipingeva coprendo quanto aveva fatto di nero, quasi a voler cancellare quello che portava dentro di sé ed aveva espresso. Adesso invece sta per presentare la sua prima mostra personale, 15 quadri realizzati con la tecnica dell'acrilico su legno e tela.


I suoi temi preferiti sono i paesaggi astratti con uno stile che può ricordare quello di Jean-Michel Basquiat. Disegna anche i gatti in cui altri hanno riconosciuto lo stile di Frida Kahlo. Racconta la madre: "Regalai a mia figlia un libro su Frida, con le sue opere e le sue immagini. La pittura della Kahlo le apriva l’anima, la imitava, comunicava con noi con i gesti e con i colori di questa donna così creativa capace di convivere anche lei con un grave problema di disabilità. Credo che Clara sia entrata in osmosi con l’arte di Frida. Si è dischiusa ancora di più al mondo e ha iniziato a dipingere con più amore". Spesso dipinge direttamente con le dita della mano, un modo per esprimere con il corpo quello che è dentro di lei, in modo apparentemente primitivo ma in realtà esprimendo una unità tra Io e espressione che è cosa rara e affascinante. La mostra apre il 10 marzo e si tiene a Campi Bisenzio provincia di Firenze. Un grande passo per una piccola bambina di soli 12 anni, a cui la vita ha dato un percorso particolare, ma non meno degno dei cosiddetti "normali" che spesso e volentieri non esprimono nulla.

Fonte: http://www.ilsussidiario.net/News/Cronaca/2018/2/22/LA-BAMBINA-CHE-PARLA-COI-COLORI-Clara-Woods-colpita-da-un-ictus-nel-ventre-materno/808088/