Article: Nostrofiglio.it “Clara Woods, la bimba di 12 anni che parla con i suoi dipinti”

Di Luisa Perego

Il rosso intenso mescolato con il giallo. Poi il blu, il verde, l'arancione. Un'esplosione di colori vivaci che si uniscono per rappresentare quello che le sta più a cuore: la mamma, il fratellino Davi, il papà, la sua casa, il gatto, il pesce rosso... ma anche Frida Kahlo, la sua artista del cuore.
È Clara Woods, di Calenzano, Firenze. A dodici anni è già una piccola artista e a marzo avrà la sua prima mostra.

Oggi non si fa che parlare di lei. «Il corriere.it, la Nazione. È stata chiamata anche da Radio Deejay. Era emozionatissima...» rivela la mamma della bambina, Betina Genovesi.
Quando ancora non era nata, nel grembo materno, Clara ha avuto un ictus. I medici avevano detto alla madre che sarebbe stata un vegetale. Che non avrebbe camminato, corso, che non avrebbe potuto avere una vita normale.
Non è andata così. A un anno ha iniziato la riabilitazione e ha fatto passi da gigante. Clara non parla, ma si fa capire. Comprende tre lingue: l'italiano, il portoghese e l'inglese. E nella pittura ha scoperto un altro modo per esprimere le sue emozioni.



«Clara ha iniziato a dipingere quando era piccolina perché non era in grado di fare tante altre attività. Il suo lato destro è un po’ più debole...» spiega mamma Betina. «Con la maestra Astrid, davvero in gamba, dipingeva e disegnava. Però distruggeva tutto quello che faceva. Le avevamo dato una pausa, poi, due anni fa, ha ricominciato a dipingere». Si rilassava, le piaceva e si è appassionata alla pittura sempre più.

Clara va a fasi. «Ha dipinto un po’ di tutto: ha lavorato su ritratti, autoritratti. Ha fatto un quadro su di me, sul babbo e sul fratello Davi, di sei anni. Loro due sono molto legati e Davi l'aiuta tantissimo a farsi capire».

Poi, l'idea di esporre i suoi quadri. Tutto è nato quando Betina ha regalato a Clara un libro per bambini sull'artista messicana Frida Kahlo.
«Clara ha subito preso a cuore quel libro. Quando ha letto della mostra di Frida a New York ha detto 'Bene, quello è il mio obiettivo. Una mostra'». È andata quindi dal suo amico Claudio, che gestisce la pasticceria Tuttobene di Campi Bisenzio e da lì è nato tutto. La sua mostra si terrà nel locale dal 9 al 30 marzo.

«Anche se non parla, riesce a ottenere i suoi obiettivi» conclude la madre.